@: info@rundesign.it
Tel: +39.02.2593364

Cos’è un logo?

Il logo rappresenta l’identità di un’azienda.
Il suo scopo è quello di firmare, visivamente, tutta l’immagine di brand che viene costruita attorno ad esso e che rispecchia i valori e la filosofia della realtà di business dell’azienda.
Il termine logo è l’abbreviazione di logotipo che, in greco antico, significa “parola” e “segno”. Spesso infatti i loghi, come normalmente li chiamiamo, sono generalmente composti da un disegno e da una scritta (e talvolta anche da un payoff… ma andiamo con calma).

Quali sono le regole generali? Valgono sempre?

principiLogoEfficace

i 6 principi per un logo efficace – Run Design

Un logo, perché sia efficace, dovrebbe essere semplice, essere riconoscibile e in grado di farsi ricordare. Inoltre, deve essere originale, in modo da non confonderlo con altri, e versatile, in modo da prestarsi a più usi. Infine, deve essere appropriato per il settore di riferimento del business rappresentato.
Tutto questo è sicuramente vero, ma anche no. Perché a volte rompere le regole e proporre qualcosa di “fuori dagli schemi” risulta essere l’idea vincente.

Il processo di creazione del logo

logoprocesscreation_RunDesign

il processo di creazione di un logo

La creazione di un logo a prima vista potrebbe sembrare semplice: in realtà quello che si vede all’esterno, ovvero il prodotto finito, è il frutto di una serie di attività specifiche di professionisti del settore.

Ogni creativo ha un suo procedimento specifico, anche perché non esiste un processo definitivo e adottato pedissequamente da tutti i professionisti. La creatività si manifesta anche nell’approccio progettuale (a nostro avviso). Quello che possiamo fare qui, allora, è raccontarvi il nostro modo di approcciare al disegno di un nuovo logo.

Il primo fondamentale passo è partire con un’analisi dettagliata dell’azienda e del suo brand, ricercando all’interno della sua brand equity tutte le informazioni che possano “inspirare” e guidare la creatività. Spesso vision, mission, valori e promessa di brand (conosci le nostre? Leggile qui) contengono moltissime informazioni pregiate agli occhi dei designer.

Il secondo step è avviare una ricerca specifica nel settore di riferimento, in modo da capire e visualizzare quello che eventuali competitor hanno già realizzato, e poi ampliare la ricerca in altri settori contingenti. Lo scopo è duplice: evitare creatività già utilizzate e iniziare a raccogliere materiale per le successive elaborazioni creative.
L’analisi si completa con uno sguardo a eventuali casi di successo e di insuccesso. Last but not least, si strizza l’occhio alle tendenze e alle mode grafiche del momento.

In questo modo il quadro generale è completo: si può dare avvio al vero processo creativo, con i primi schizzi del logo pensato.

Creiamo il nuovo logo!

Ora siamo pronti per partire. Moleskine, matite, penne, china, tavoletta grafica con Photoshop o Illustrator: non ci sono regole in questa fase. Brainstorming di idee e grafiche. Poi andiamo a ritagliare, evidenziare, scegliere, selezionare e portiamo avanti le idee con le strade più promettenti, quelle che riassumono i concetti fondamentali su cui il nuovo brand si svilupperà.

Diverse sono le fasi di fine tuning delle creatività: la prima è quella interna al team creativo, prima ancora di arrivare in presentazione dal cliente. Spesso, al primo livello di definizione, inseriamo anche dei test strutturati che ci servono ad avere un feedback in merito alla riconoscibilità / facilità di lettura e di ricordo del logo stesso.
Il lavoro procede poi con le presentazioni delle creatività delle varie fasi: presentiamo al nostro cliente tutto il lavoro sviluppato e i concetti e le motivazioni che ci hanno portato a quel risultato, e raccogliamo tutte le indicazioni che emergono a caldo durante la presentazione. Un aspetto per noi molto importante è lasciare “decantare” (proprio come si fa con un buon vino) le proposte creative per qualche giorno, in modo da raccogliere dei feedback anche a “freddo”. In questo modo riceviamo indicazioni sia dalla parte emozionale sia dalla parte analitica/critica del cervello.

La finalizzazione del processo avviene con la realizzazione del brand identity manual (vuoi vedere un esempio? Qui trovi il brand identity manual che abbiamo realizzato per il nostro cliente VisitBrescia), che mette definitivamente la parola fine al processo creativo di realizzazione del nuovo logo e va a identificare tutte le linee guida sulle quali il nuovo logo (e la nuova immagine di brand, ma questa è un’altra storia) trova il suo compimento e identità.

Chiamaci, scrivici, richiedi un appuntamento
o un preventivo: siamo qui per te!